MEETING D’AUTUNNO ARI A BERGAMO

L’appuntamento di fine stagione quest’anno si presenta finalmente sotto buoni auspici.

Il programma prevede di ritrovarsi ad Albano S. Alessandro il 23 e 24 Ottobre, in una manifestazione organizzata dal Team Testa dell’ex Capitano della Nazionale, Cecilio Testa.

Nella giornata di sabato si terrà la consueta assemblea dei soci in cui saranno dibattuti i temi più attuali della nostra organizzazione, tra cui la presentazione del nuovo calendario delle randonnée per l’anno a venire.

Ricordiamo che il 2022 è l’anno che precede la Paris-Brest-Paris, evento mito per ogni buon randonneur e, come oramai avviene da qualche edizione della classica d’Oltralpe, ci si potrà prequalificare attraverso i brevetti che saranno presenti nel nutrito nuovo calendario italiano. Significa che potrete guadagnarvi la possibilità di prenotare l’iscrizione alla randonnée francese nelle finestre temporali che si apriranno a partire dai primi mesi del 2023.

Non mancherà il consueto pranzo, per il quale occorre prenotarsi anticipatamente ed a tal proposito vi invitiamo a seguire le notizie che via via troverete sul nostro portale. Nel pomeriggio si procederà alle premiazioni dei randonneurs, tra cui quelle del Campionato Italiano Randonnée.

Un Campionato che, si è detto più volte, stride con lo spirito randagio, il quale dovrebbe esser tutto fuorché competitivo. Un bell’articolo a questo proposito è stato scritto sul numero di Agosto del nostro magazine, in cui sono splendidamente esposte le ragioni e il senso di questa challenge, oramai presente da diversi anni. Sta proprio a noi ciclisti mantenerne le giuste connotazioni: vincitori sono coloro che, certamente arrivano a far maggior bottino di chilometri. Ma il vero bottino consiste nelle esperienze, nelle emozioni, talvolta nelle difficoltà che ci si è trovati a vivere; le amicizie che han preso vita grazie alle occasioni di incontro offerte dalla partecipazione al campionato, i luoghi esplorati e che proprio per aver seguito le strade del campionato, ora permangono vivi nel ricordo.

I silenzi, i profumi… avete mai provato a salire le dolci colline dei vigneti, prossimi ai giorni di vendemmia? Avete mai avvertito quel desiderio di scendere dalla bicicletta e assaggiare quei grappoli succosi ed invitanti? Il silenzio e la pace attorno a voi infrante solo dal leggerissimo soffio sibilante del venticello di collina; attimi che vi mettono in pace col mondo.

Avete mai scorto il fuggire di un cerbiatto oppure l’alzarsi improvviso di un uccello notturno sorpreso dal vostro fascio di luce nel bel mezzo della notte? Quanti rumori strani, a volte impressionanti, si odono lungo le strade che attraversano fitte selve nell’oscurità. A colui che raggiungerà la meritata maglia tricolore e la indosserà sul palco delle premiazioni, scorreranno dinanzi agli occhi gli attimi vissuti, le persone conosciute e le peripezie superate. Tutto ciò costituirà la sua vera vittoria.

Per la prima volta, quest’anno Ari assegnerà un premio anche ai ciclisti che si sono messi in evidenza nelle Challenge Locali. Si intende valorizzare queste realtà legate alle macroregioni in cui i ciclisti si misurano con le rando della zona. Non si vuole sostituire le consuete premiazioni delle diverse Challenge, che si svolgeranno regolarmente nei posti stabiliti, ma dare un’importanza nazionale anche a queste classifiche. Ari darà un riconoscimento nelle categorie uomini, donne e team per ogni Challenge (Veneto, Magna Grecia, Campania e Sicilia).

Ci sarà anche un piccolo spazio per il riconoscimento degli scalatori della speciale challenge lombarda “Il Trofeo delle Aquile”, in cui i ciclisti hanno conquistato le vette più importanti della Lombardia.

Uno speciale riconoscimento verrà assegnato ai soci Ari che nel periodo della pandemia si sono trovati in prima linea nella lotta al covid. Stiamo parlando degli operatori della sanità, che Ari considera al pari dei Campioni Italiani in un anno in cui il Campionato non si è potuto svolgere.

Si consegneranno infine le medaglie dei Randonneurs d’Elite, ossia quella ristretta cerchia di randagi che hanno portato a termine almeno 5 “super randonnée”.

Il meeting è anche e soprattutto una delle occasioni di incontro e scambio d’idee tra ciclisti che provengono da ogni parte del nostro bel paese: racconti, pareri, consigli. Si torna a casa soddisfatti di esser parte di una comunità ricca di virtù: come l’esempio di alta solidarietà che ci ha permesso, lo scorso anno, di fare una raccolta di denaro, devoluto poi all’ospedale degli alpini di Bergamo, in piena pandemia Covid.

 

L’anno scorso, la Rando del Cuore fu organizzata in forma virtuale per raccogliere i fondi da devolvere a favore dell’Ospedale degli Alpini di Bergamo.

Stavolta, la rando sarà reale e darà modo ai ciclisti di percorrere un itinerario oramai collaudato con due anelli che vedranno protagonisti il lago Sebino (per gli amici Lago d’Iseo) e la Valle Seriana, prima di rientrare ad Albano S. Alessandro.

La randonnée è prova valida per il “Campionato Italiano” del 2022.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...